Esportazione all'attenzione europea di paga del mercato! L'UE amplia i suoi movimenti e passa «la tariffa del carbonio» del mondo primo!

March 25, 2022

ultime notizie sull'azienda Esportazione all'attenzione europea di paga del mercato! L'UE amplia i suoi movimenti e passa «la tariffa del carbonio» del mondo primo!

Le ultime notizie, il 15 marzo, ora locale, presidente francese Emmanuel Macron hanno detto sui suoi media sociali personali che gli stati membri di UE hanno raggiunto un accordo sulla tassa del confine del carbonio di UE.

 

Dopo che la proposta è adottata formalmente dal Parlamento Europeo, sarà implementata dal 1° gennaio 2023 e la portata dell'imposizione riguarda le industrie quali cemento, fertilizzante, alluminio e l'acciaio. Il periodo di transizione dal 2023 al 2025 sarà implementato e le tariffe del carbonio saranno introdotte formalmente nel 2026.

Poichè la prima proposta del mondo per indirizzare il mutamento climatico sotto forma di tariffa del carbonio, avrebbe implicazioni profonde per commercio globale.

 

Il ministro del commercio australiano ha questo da dire:

«Siamo molto interessati che il meccanismo di adeguamento del confine del carbonio di UE (CBAM) è essenzialmente appena un nuovo meccanismo protezionista che infine insidia il libero scambio globale e colpisce gli esportatori australiani nostrani ed i lavori.»

 

Già del 2008, Krugman, un vincitore di premio Nobel nell'economia, presenta un chiaro presupposto sulla razionalità delle tariffe del carbonio nell'ambito della struttura di OMC.

Crede che i prodotti importati che non pagano le tariffe del carbonio abbiano un vantaggio competitivo «ingiusto», così paesi sviluppati che hanno intrapreso gli obblighi obbligatori di riduzione delle emissioni hanno il diritto scegliere di approntare le misure commerciali al confine, aumentare il costo dei produttori stranieri di simili prodotti ed impongono le restrizioni alle importazioni. I prodotti sono tassati proporzionalmente all'anidride carbonica che contengono o che emettono durante la produzione, mentre l'esenzione fiscale o le riduzioni fiscali è data ai prodotti che contengono l'anidride carbonica esportatrice dal loro pæse d'origine, così raggiungente lo scopo «del livellamento dell'arena».

 

Il meccanismo di adeguamento del confine del carbonio di UE (CBAM) richiede l'importazione dei prodotti carbonio-intensivi completamente di aderire alle regole del commercio internazionale per evitare lo sfalsamento degli sforzi di riduzione del gas serra di UE importando i prodotti fatti in paesi extracomunitari, che hanno meno politiche del mutamento climatico che l'UE rigoroso. Inoltre contribuirà ad impedire la diversione di produzione o l'importazione dei prodotti carbonio-intensivi.

 

L'ultimo rapporto della ricerca di Boston Consulting Group (BCG) profondamente analizza l'impatto economico delle tariffe del carbonio di UE sulle industrie chiave e trova che l'impatto delle tariffe del carbonio sui profitti dell'industria può essere alto quanto 40% e le società nell'intera catena dell'industria riterranno l'aumento costato. Impatto.

 

Per le società esterne che esportano all'UE, le tariffe del carbonio direttamente colpiranno il paesaggio competitivo e perfino cambieranno il paesaggio commerciale in maggior misura, secondo gli esperti in BCG. Se queste società non riescono a adattarsi rapidamente a New Deal riducendo la loro orma del carbonio, potrebbero perdere la quota di mercato ed essere sostituite da altre società di UE o dalle società carbonio-più efficienti in altri paesi.

 

L'UE CBAM inizialmente riguarderà le cinque industrie compreso cemento, l'elettricità, il fertilizzante, l'acciaio e l'alluminio. Queste cinque industrie rappresentano insieme circa 40% delle emissioni totali dell'UE.

 

Delle 44 industrie che l'UE crede sono la maggior parte necessitante riduzione del carbonio, 85% sono collegati con i materiali, l'energia e le industrie che forniscono le materie prime per i processi di produzione industriale. Inoltre, le industrie quali i prodotti chimici, metalli base, prodotti di carta e prodotti minerali non metallici, sebbene relativamente meno dipendente da commercio, abbiano intensità ad alto tenore di carbonio dell'emissione ed inoltre direttamente saranno colpite.

 

L'UE specifico CBAM ha coperto i prodotti è definito conformemente alla nomenclatura combinata dell'europeo, che è basata sulla nomenclatura armonizzata del sistema dell'Organizzazione mondiale delle dogane. basato sopra.

 

Noti prego che 2023-2025 è stato identificato come periodo di transizione per l'UE CBAM, durante cui gli importatori non avranno soltanto gli obblighi della dichiarazione ed obblighi finanziari. Durante il periodo di transizione, gli importatori sono tenuti a riferire su base trimestrale la quantità di loro prodotti importati, le loro emissioni di carbonio comprese totali, il loro totale ha compreso le emissioni indirette ed il prezzo del carbonio ha pagato nel pæse d'origine i prodotti importati.

 

Dal 2026, gli importatori sono tenuti a pagare l'importo corrispondente dei certificati di CBAM basati sulle emissioni di carbonio comprese dei loro prodotti importati.

 

Per le nostre società che esportano verso Europa, se i prodotti comprendono le cinque industrie di cemento, dell'elettricità, del fertilizzante, dell'acciaio e dell'alluminio, particolarmente l'industria siderurgica, dobbiamo prestare attenzione ai cambiamenti. L'anno scorso, l'adeguamento del mio paese delle tariffe dell'esportazione sui prodotti siderurgici ha ridotto significativamente l'esportazione dei prodotti siderurgici della medium-fine ed inferiori.

 

Infatti, l'interruzione dell'elettricità dell'autunno scorso «e la riduzione di produzione» erano già una prova per commercio estero. Noti prego che questa non è una cosa a breve termine! Poiché il mio paese ha promesso «di sforzarsi di alzare le emissioni verticalmente dell'anidride carbonica da ora al 2030 e di sforzarsi di raggiungere la neutralità del carbonio da ora al 2060». Ciò è la tendenza!

 

La gente che è impegnata nell'esportazione dei prodotti energia-intensivi, prego l'attenzione di commercio estero di paga alle tendenze dell'industria, fa presto i piani e segue la tendenza è l'uscita!